Le metamorfosi degli Hottipilus

Maria Grazia Sereni
Data di pubblicazione 2006
Collana Fantasilandia su carta ecologica speciale d’alghe
21 x 13,5 – Pagine 64 – Illustrato da Miriam Bonaretti – Euro 8,00
ISBN 88-901919-6-1

Siete pronti a imbarcarvi sulla Gattoastronave per nuove avventure?
Hottipocus, re degli Hottipilus, ci guida in un’impresa avvincente dove la gelosia divampa maligna tra il suo popolo e quello della sua sposa. Ma Trivulzio concepisce una soluzione geniale…

Nell’era Cenozoica (circa venti milioni di anni fa) la Terra era abitata dagli Hottipilus, strani folletti dotati di poteri magici. Il loro corpo, dalla carnagione rosea e dalla forma simile a quella delle felidi, era ricoperta da un curioso peplo intessuto con vari tipi di erba. Il viso triangolare, illuminato da due paia di occhi verdi, era incorniciato da ciocche di capelli dorati a forma di petalo. Non possedevano né naso né orecchie, bastando la bocca triangolare e i grandi occhi per respirare e udire. Le estremità erano quattro superiori e due inferiori, queste ultime con buffi piedi palmati. Non disponiamo di immagini, ma è stata trovata la descrizione dei nostri folletti nei libri di incantesimi. Tra questi, uno in particolare intitolato Magia: dagli albori ai nostri giorni, scritto da diversi maghi tra cui Merlino, riporta anche alcuni schizzi degli Hottipilus nelle loro diverse fasi evolutive.

StampaEmail